Una gamma per tutte le esigenze
Le motopompe Honda sono motopompe centrifughe autoadescanti destinate a trattare sia acque chiare che acque nere.
La qualità e la robustezza delle loro motorizzazioni le rendono adatte sia per rapidi interventi che per lavori di tipo continuativo. L'ampia proposta di gamma, consente di soddisfare tutte le esigenze. Le motopompe Honda permettono di irrigare, innaffiare, svuotare un fossato, una piscina, uno stagno o uno scavo in un cantiere.
Sono anche perfettamente adatte alle situazioni di emergenza.

L'accensione elettronica garantisce un avviamento facile ed immediato, anche dopo lunghi periodi di inattività. Il motore è protetto da un sistema di sicurezza "Oil Alert" che lo arresta nel caso il livello dell'olio non sia sufficiente, situazione che si può verificare sia per l'effettiva mancanza di lubrificante, sia per una inadeguata o errata posizione della motopompa.

Come fare una buona scelta

1 - Come determinare il tipo di motopompa
Prima di acquistare una motopompa, occorre determinare il tipo adatto. La scelta definitiva del modello sarà poi facilitata dal calcolo delle necessità in termini di portata e pressione. In questa scelta vanno presi in considerazione:
- La natura del lavoro: impieghi gravosi o impieghi medi
- La qualità dell'acqua da trasportare: acque chiare o acque nere (cariche di ghiaia, sabbia o detriti)
- La pressione e la portata: in funzione della tipologia d'impiego richiesta

2 - Conoscere le caratteristiche della rete In un secondo tempo, occorre calcolare la prevalenza totale espressa in metri:

- L'altezza di aspirazione: è la distanza tra il livello dell'acqua e l'asse della pompa. In pratica non può superare gli 8 metri.
- L'altezza di mandata: è la distanza tra l'asse della pompa e il punto più alto della rete nella quale va immessa l'acqua.
- La perdita di carico: tutti gli elementi di una rete (tubi, gomiti, valvole ed apparecchi vari) sottopongono a sollecitazioni il potenziale della motopompa. Tutti assieme rappresentano una resistenza allo spostamento dell'acqua che viene detta "perdita di carico".

La perdita di carico di una determinata rete si calcola in funzione della lunghezza, del diametro, del tipo di tubi impiegati, del numero e della forma dei raccordi e degli accessori utilizzati nonché dell'altezza di aspirazione e mandata. Essa è espressa in metri di prevalenza totale.

3 - Scegliere il modello utilizzando la curva mandata/pressione
Ogni motopompa è caratterizzata da due dati complementari: la mandata e la pressione (espressa in prevalenza totale).

La mandata è la quantità di acqua distribuita dalla motopompa. Essa si esprime in m3/h oppure l/min.
La prevalenza totale della pompa, che corrisponde alla pressione potenziale, è la colonna d'acqua teorica che la pompa potrebbe innalzare verticalmente in un tubo al di sopra di se stessa.
Questi due dati costituiscono la "firma" delle caratteristiche di una motopompa illustrata da un grafico del rapporto mandata/pressione che ne evidenzia le prestazioni.

Con questi dati è poi facile fare la scelta. Riportando la prevalenza totale della rete sulla curva della motopompa, si ottiene la mandata disponibile. La prevalenza totale restante determina la pressione disponibile. Nell'esempio, la prevalenza totale rimanente è di 8 metri (30-22). La pressione disponibile sarà quindi di 0,8 bar. Se questa pressione risulta insufficiente, la scelta deve orientarsi su un modello più potente.
Honda Motor Europe Ltd. - Italia Via della Cecchignola 13 00143 Roma PIVA 04141020232 contact center 848.846.632 cap soc. 8.320.000 (int. vers.)
Home  Garden  Agri  Industry  Spazzaneve  |  Generatori  Motopompe  Carrelli  Minidumper  Site/Privacy Policy   Credits